« Buon Natale e Felice Anno 2010! | Principale | I Picai di Gambellara 2010 - Il Recioto, il Vin santo (Tra tradizione e innovazione) »

12 gennaio 2010

TrackBack

URL per il TrackBack a questo post:
http://www.typepad.com/services/trackback/6a00d834520b8069e2012876c7b8e0970c

I link elencati qui sotto sono quelli che rimandano a Life is a bubble - Riflessioni (e propositi) per il 2010:

Commenti

Grazie Maria Grazia per la citazione e la tua sensibilità. A presto.
Cinzia

Grazie maria Grazia per questa sana rilettura del valore della vita, anche della suo necessaria lentezza nell'esserci. Bello, molto bello.
Un caro saluto e molti auguri.

P.S. Un saluto anche alla Canzian.

Grazie Cinzia e Stefano, segnalo su Aristide un ' ulteriore commento sulla "caducità della vita" e sul tema "bollicine". Un abbeaccio!

Ciao Stefano, grazie del saluto che ricambio con gli auguri. tieniti libero dal 10 al 13 settembre. ciao!

Eccomi qua, non scomodatevi... :-)
L'elogio della lentezza è uno dei temi che più mi affascinano, sin dai tempi del mio primo blog (che pochi conoscono: Liberation Technology - http://bit.ly/7OmYUL).
Il motto personale, applicato al blog di allora, era ed è "festina lente", affrettati lentamente, il detto coniato da Svetonio e attribuito all'Imperatore Augusto.
E lento deve essere il vino, il produrlo e affinarlo, persino il consumo andrebbe a quel passo lento della meditazione.
Su questo punto, come su altri, siamo d'accordo.
Sulla materia gassosa che amate identificare in "bollicine" cedo per ora il passo, ma mantengo il proposito di non ricorrervi più.

Ciao Giampiero!!! Grazie di esserti... scomodato ;-))!
So del tuo primo blog e del motto. Bello condividere questa visione della vita e del vino. Meno male che almeno in qualcosa... non siamo d'accordo! E' una questione di punti di vista. Nel concetto di "materia gassosa" che tu hai in mente ci sta dentro lo Champagne Gran Cru fino al Chinotto? Bene.
Quando io parlo di bollicina - visto che parlo e scrivo di vino- è al vino che mi riferisco ed è ovvio che ci sono bollicine buone ( e magari pulite e giuste) ed altre che lo sono molto meno. E' ovvio che si preferisca parlar delle prime, che magari, anche per il prezzo sono bevute da - diciamo - un 30% di consumatori... Senza dimenticare che il resto del mondo beve... il resto.
Un resto che comunque tira ( come mi dice un imbottigliatore della zona che fa in grandi numeri).
Un abbraccio, mon ami!
MG

Verifica il tuo commento

Anteprima del tuo commento

Questa è solo un'anteprima. Il tuo commento non è stato ancora pubblicato.

In elaborazione...
Il tuo commento non può essere pubblicato. Errore di scrittura:
Il tuo commento è stato pubblicato. Pubblica un altro commento

I numeri e le lettere che hai inserito non corrispondono a quelle dell'immagine. Prova di nuovo.

Come ultima cosa, prima di pubblicare il tuo commento, inserisci le lettere ed i numeri che vedi nell'immagine qui sotto. Questo impedisce che programmi automatici possano pubblicare dei commenti.

Fai fatica a leggere quest'immagine? Visualizzane un'altra.

In elaborazione...

Scrivi un commento

Pubblicità su questo sito

Diventa fan

Altri account

Facebook Instagram Twitter YouTube
La mia foto

Disclaimer

  • Soavemente è un sito web interamente gestito da Maria Grazia Melegari, non costituisce una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001. Le opinioni ivi contenute sono interamente espressione del pensiero dell’ autrice. Le opinioni altrui, eventualmente riportate, sono chiaramente identificate e pertanto sono da ritenersi sotto la responsabilità di chi le manifesta. Le fotografie sono nella quasi totalità scattate dall’autrice. Nel caso di immagini prese da internet, valutate di pubblico dominio, ciò viene chiaramente comunicato a fondo pagina. Qualora soggetti o autori fossero contrari alla pubblicazione, possono segnalarlo all’indirizzo: undiwine@hotmail.it, al fine di provvedere alla rimozione delle stesse.